sabato 27 giugno 2020

Figging che passione!! (Anal Discipline)

Mi capita fin troppo spesso di ricevere messaggi privati dove mi si fanno diverse domande sul figging, che è la pratica in cui si inserisce la radice di zenzero (o ginger) nel retto.
Pratica che provoca un piacere intenso, se si è masochisti, anche se a volte non viene apprezzato.

Consigli per l'uso:

  1. Acquistare una radice sufficientemente grande da poterle fare assumere la forma di plug. 
  2. Spelare e inserire nel minor tempo possibile, perchè dalla spelatura l'effetto dura dai 20 ai 25 minuti, non di più.
  3. Il ginger o si ama, o si odia. Per renderlo più piacevole, dotarsi di strumenti che potenzino il piacere (es: Magic Wand)
  4. Prima di infliggerlo a quancun@, consiglio di provarlo in prima persona, perchè le sensazioni sono talmente personali e travolgenti che spesso sono difficili da spiegare. 
  5. La prima volta eviterei di infliggerlo in sessione, perchè se non dovesse piacere potrebbe influire sulla buona riuscita della sessione stessa. Consiglio quindi una prova preventiva al di fuori della sessione. 
Ulteriori informazioni:
  • Non va lavato ne sterilizzato perchè altrimenti si affievolisce l'effetto. 
  • Nella vagina comporta un lieve pizzicore, molto diverso dall'effetto provocato analmente. 
  • E' un antinfiammatorio naturale, quindi non ci sono particolari precauzioni da prendere, salvo astenersi dall'utilizzo in caso di ragadi e/o emorroidi (come si dovrebbe evitare, in tal caso, qualsiasi pratica anale).
  • Se si realizza la forma di plug, non c'è pericolo che entri ne che si spezzi. Ma se dovesse capitare, si recupera come si recupererebbe qualsiasi altro oggetto (anche in modo naturale). 
  • L'effetto si esaurisce dopo pochi minuti (max 25) quindi non serve nulla per alleviarlo. Si "spegne" da solo. 
Ora vi espongo le mie impressioni a seguito della mia "prima volta" con il ginger! 😁


Il mio nuovo amico Ginger

Ne avevo sentito parlare diverse volte, come qualcosa di strabiliante, meglio del mio temutissimo peperoncino, meglio del omissis, meglio del dentifricio ed ancora del pepe nero..

Il più delle volte detto da uomini che lo avevano fatto provare alle loro slave, il che non mi dava tanta affidabilità, non avendolo provato su loro stessi.

Al che mi venne in mente quando mia mamma, tempo fa, mi regalò un sacchettino di zenzero essiccato e zuccherato, ed io per quanto golosa possa essere dopo averne assaggiato un pezzettino, lo sputai prontamente, visto quello strano sapore speziato misto a zucchero.

Ma ritorniamo a noi.

Andai dal fruttivendolo che mi diede 2 radici.

Tornata a casa ne provai un po' nel sugo di maccheroncini al torchio e fu delizioso. Sapore intenso e speziato, riconoscibilissimo. 

Nel pomeriggio mi preparai per goderne diversamente!

Arrivai in camera e mi accovacciai per infilarmelo. Guardai l'ora. 
---------------------------------------------------------------
La prima sensazione è un lieve bruciore al culo, nulla di trascendentale. 
Pizzica un po' .. brucia lievemente, qualcosa di sopportabile comunque. 

Mi giro a pancia in giù e mi accorgo di avere la figa già bagnata.
Mi piace l'idea..

Il bruciore sembra abbandonare l'ano e irradiarsi nel culo... ma non localmente, dove il ginger tocca, sembra amplificato all'interno dello sfintere. 

Inizio a sfregare la figa sulle lenzuola, quasi a voler stuzzicare il clito.

Cazzo ora brucia si!! Sembra sentire sulla punta del ginger qualcosa che faccia eco dentro a tutto il culo e sale una voglia assassina di godere. Lo devo spingere con un dito perchè tende ad uscire e mi sento, allargando le cosce, di essere completamente fradicia e colante. 

Cazzo che voglia, mi sento cagna, lo sono cazzo, colo senza ritegno. 
Parte la figa, parte la testa.. prende come se vorresti fossero fatte in quell'istante le peggio cose. 

Infilo la mano tra il mio ventre e il materasso e mi rovino il clitoride con le unghie, perchè troppo bagnata. 
La saliva mi cola sul cuscino mista al sudore, fa un caldo assurdo. 

Vengo e vengo e vengo ancora non so quante volte e mi sento trasportata dagli orgasmi, ormai il bruciore si sta repentinamente affievolendo ma non mi importa, continuo a stropicciare violentemente il clitoride.
Sfocio in un orgasmo talmente intenso che mi assale un potente mal di testa. 
Respiro, affannosamente, ma ad ampie boccate. 
Controllo l'orario. 
21 minuti. 

E riprendo "conoscenza".. con il mio nuovo compagno di giochi. 💖







4 commenti:

  1. Massimo Corelli9 luglio 2020 17:16

    Questa esperienza è l'essenza stessa dell'ampliamento dei confini della fantasia. Complimenti

    RispondiElimina
  2. Pensavo di sapere (quasi) tutto. Invece ammetto la mia ignoranza, ho scoperto una cosa che non sapevo e la proverò subito su di me e poi sulla play partner.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, mi fa piacere possa essere utile a qualcuno per esplorare nuove mete... Se ti va, mi piacerebbe saperne il seguito 😉

      Elimina

I commenti sono moderati dal Titolare del Blog. Nel caso venissero ritenuti inopportuni (offensivi o fuori tema), non saranno pubblicati.