martedì 9 ottobre 2018

R-I-S-P-E-T-T-O

Sono una fottutissima sognatrice. 
Ho sempre pensato che, nel mondo, esistesse la Persona Perfetta per me.. la classica mezza mela. 
Forse l'ho sempre sperato, ma poi arriva il giorno in cui è necessario fare i conti con la realtà delle cose e ci si rende conto che la perfezione difficilmente esiste. 
A quel punto la cosa più sensata da fare è conoscere una persona, osservare quante e QUALI caratteristiche di lui sono corrispondenti alle nostre esigenze e valutarlo.
Come? 
Con una bilancia: da un lato quello che ci offre, dall'altro quello che manca. Una volta tolto il perno, la scelta è fatta. Si sceglie dove la bilancia pesa di più.

Tra tutte le caratteristiche che vado cercando, una delle più "pesanti" è il rispetto. Non si tratta solo di BDSM, si tratta di rispetto per la persona che abbiamo di fronte. Un detto dice: "non fate agli altri quello che non vorreste fosse fatto a voi stessi". 

from Tumblr
Ebbene, quando qualcuno vi interrompe, e voi perdete la pazienza, assicuratevi di non fare lo stesso.
Quando qualcuno vi ignora, e a voi dà fastidio, assicuratevi di non fare lo stesso.
Quando esprimete un concetto e l'altro vi contraddice senza nemmeno ascoltarvi, e vi infuriate, assicuratevi di non fare lo stesso.
Quando qualcuno frequenta altre persone (anche in modo intimo), e a voi fa uscire dai gangheri, assicuratevi di non fare lo stesso. 
Potrei continuare all'infinito. Le casistiche/situazioni sono innumerevoli. 

Rispetto non significa avere un opinione, una credenza, ed imporla come NORMALE. E tutto ciò che contrasta la vostra opinione ANORMALE. Quella si chiama chiusura mentale. Si chiama, imposizione di sè. 



Nell'arco di 4 mesi mi è capitato con 3 persone. 
Quello che hanno in comune queste tre persone sono l'età (su per giù), la loro provenienza territoriale (su per giù) e il fatto che si considerano tutti Master.

Ebbene, a mio avviso un Master deve anche essere in grado, dimostrandolo, di ascoltare ed assecondare i desideri della propria slave. 
E' vero che prima di tutto chi si mette in gioco per intraprendere un cammino dietro la guida del proprio Master è la slave, ma è vero anche che se vengono esauditi solo ed esclusivamente le preferenze del Master allora non si considera la slave come una persona, degna di rispetto, ma come il proprio giocattolino, un oggetto insomma. 

E allora chiudiamo la slave in una stanza... guai farla usare da altri (per assecondare una sua fantasia), guai farla vedere in pubblico (come lei vorrebbe) ... guai farle fare quella cosa che a lei piace tanto e che io Master considero ANORMALE.... è rispetto questo? 
Io credo di no. 

In un rapporto interpersonale, chi si mette in gioco, per crescere insieme, a mio avviso, sono tutte le parti. Tutte. Non c'è un elemento che cammina da solo e gli altri fermi ad aspettare. Sono tutti gli elementi che si incontrano nelle loro reciproche metà strada. A metà strada ci si incontra e si cammina insieme. Se cammina solo uno, qualcosa non va. 

Ecco quindi, sedicenti Master, è vero che ad ogni Master corrisponde un tipo di slave (e viceversa) ma se questa/o non dovesse essere perfetta per voi... iniziate a metterla sulla bilancia e chiarirvi se per voi ne vale la pena. 
Se ne vale, iniziate a portarla a voi, ad assecondarvi e seguirvi, ma ricordatevi anche di rispettarla, perchè la vostra slave è l'unica che vi metterà SEMPRE in una posizione prioritaria, sia nei confronti della vostra Persona, sia nei confronti del vostro piacere. 

Ah e dimenticavo: di preferenze NORMALI, ANORMALI, o ESTREME esiste nulla. 
Esistono delle preferenze tutte rispettabili e soggettive. 
Non finirò mai di dirlo, quello che è estremo per me, può non esserlo per qualcun altro o viceversa. 

Di anormale, secondo me, c'è che alcuni "Master" credano ancora che basti impartire un ordine, avere una marionetta tra le mani, o fare solo quello che gli pare, per essere Master. 
Per questo ci sono le prostitute, o le escort. Le slave sono altro. 


2 commenti:

  1. Il percorso Master/slave è una strada che si percorre in ue. Significa che l'ascolto deve essere reciproco. Un Padrone avrà il meglio dalla sua schiava quando questa avrà fiducia nel rapporto umano, non solo dom/sub che si sviluppa fra i due. Lei potrà così fidarsi e, nel tempo, superare i suoi limiti. Vale anche per il dominate nella coppia. Forzare da subito proponendosi come un "dio" dalla volontà indiscutibile è sciocco e fuori dalla realtà di tutti i giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente. E soprattutto, chi pensa che una slave sia un burattino senza pensieri o opinioni, a mio avviso, non è un Master. Semplicemente abusa del potere che pensa di avere.

      Elimina

I commenti sono moderati dal Titolare del Blog. Nel caso venissero ritenuti inopportuni (offensivi o fuori tema), non saranno pubblicati.